T R I B U N A L E    DI    SANTA MARIA CAPUA VETERE

ATTO DI CITAZIONE

La sottoscritta Avv. ________, con studio in ________, nella sua qualità di tutore della signora ________, nata a ________il ________, residente in ________, Via ________, rappresentata in proprio nel presente giudizio, come da autorizzazione del Giudice Tutelare di ________. emessa in data ________, che si allega (doc. 1), e autorizzata in proprio al patrocinio dei non abbienti come da provvedimento del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di ________emesso in data ________ (doc. 2),

P R E M E S S O

  1. che la signora ________ è stata dichiarata interdetta con sentenza del Tribunale di ________in data ________ (doc. 3);
  2. che la sottoscritta è stata nominata tutore della stessa con provvedimento provvisorio del Tribunale di ________ del ________, e successivo provvedimento definitivo del Tribunale di ________ del ________ (doc. 5-6); 
  3. che la signora ________, già titolare di numerose proprietà immobiliari e di ingenti somme di denaro (doc. 7), ha subito atti di spoliazione di tali beni da parte del nipote signor ________e della di lui convivente signora ________, come accertato dal Tribunale di ________, sez.________, con sentenza n. ________ pronunciata in data ________, che ha condannato i signori ________ e ________ per il reato di circonvenzione di incapace commesso in danno della signora ________, alla pena di anni … di reclusione e al pagamento di una provvisionale di euro ________, oltre le spese legali (doc. 8);
  4. che dagli atti rinvenuti dal sottoscritto tutore in occasione dell’inventario dei beni della signora ….., è emerso che la stessa aveva ceduto in data ________ (doc. 9) ai figli dei signori ________ e ________, e cioè ai signori ________, e ________la nuda proprietà di due immobili, così contraddistinti :
  5. A) ________;
  6. B) ________;

* * *

Dai fatti sin qui esposti, risulta pacifica la sussistenza dei requisiti richiesti dall’art. 801 c.c. per proporre la domanda di revocazione per ingratitudine delle donazioni effettuate dalla signora …________ ai nipoti signori …________, …________ e ……________

Infatti pur avendo il Tutore, così come il Tribunale di ………, nella citata sentenza penale, il dubbio che la signora …________ non fosse pienamente consapevole delle conseguenze della donazione all’epoca effettuata, stante la sua non piena capacità di intendere e volere, in relazione alle sue gravi e patologiche condizioni di salute (doc. 37), va comunque rilevato che l’animus donandi comporta da parte del donante la piena fiducia nei confronti del donatario, nonché il riconoscimento sotto il profilo morale ed etico del valore della persona nel cui interesse viene effettuato tale atto.

Ne consegue pertanto un preciso dovere sussistente in capo ai donatari di assistere il donante in caso di bisogno e di prestargli gli alimenti in virtù di quanto disposto dagli artt. 433 e 437 c.c.

Sussiste invece comportamento che integra l’indegnità del donatario laddove risulti, che “il donatario ha dolosamente arrecato grave pregiudizio al patrimonio del donante e ha rifiutato indebitamente gli alimenti dovuti ai sensi degli artt. 433 c.c. e seguenti”.

Tanto premesso, il sottoscritto tutore della signora ________., nella sua qualità di difensore in proprio della stessa, come da autorizzazione del Giudice Tutelare di ________ e autorizzata al patrocinio dei non abbienti in forza di delibera del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di ________,

C I T A

I signori:

1)________; 

2) ________;

3)________

a comparire avanti il Tribunale di________, sezione e Giudice Unico designandi, per l’udienza________, ore ________e segg., con invito a costituirsi in giudizio nel termine di 20 giorni prima di tale udienza, ai sensi e nelle forme dell’art. 166 cpc, con avvertimento che la costituzione oltre i suddetti termini implica le decadenze di cui all’art. 167 cpc, e con comminatoria di contumacia in caso di mancata costituzione, per ivi sentire accogliere le seguenti

C O N C L U S I O N I

Piaccia all’Ill.mo Giudice adito, contrariis reiectis, cosi giudicare :

nel merito, ritenuta la sussistenza dei presupposti di cui agli artt. 800-802 c.c., per ingratitudine dei donatari ________,  e ________, e per aver costoro arrecato grave pregiudizio al patrimonio della donante signora ________, neppure dagli stessi assistita sotto il profilo alimentare seppure in stato di grave bisogno, revocare la donazione della nuda proprietà dei seguenti beni, effettuata con atto ________, n. ________ repertorio del Notaio ________ di ________ dalla signora ________, nata a ________il ________2 a favore dei signori ________, ________, ________., così contraddistinti:

  1. A) ________;
  2. B) ________

Disponendo le annotazioni e trascrizioni conseguenti, ai sensi di legge.

Con vittoria di spese, competenze e onorari.

In via istruttoria ammettersi le prove per interpello e testi sulle circostanze esposte in premessa, come capitolate dal n. 1 a 25, da intendersi qui ritrascritte precedute dalle parole “ vero che”. Si indicano a testi i signori:

1)________.;

2)________.;

3) ________

Con riserva di ulteriori conclusioni, anche in via riconvenzionale, e di integrare i mezzi istruttori.

Si produce :

1) ________;

2) ________

                                                                                                                                                                                          Avv. ________

Joomla SEF URLs by Artio