Spett.Le

Sp.le Unipol ass.ni Spa

                                                           Via Stalingrado,45, 40128 BOLOGNA (BO)

P.C. 

IVASS

Via del Quirinale 21, 00187

ROMA(RO)

A MEZZO PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Oggetto: ATTO DI INVITO E DIFFIDA – RIPRISTINO CLASSE DI MERITO -

La presente in nome e per conto della sig.ra __________________ residente a __________________, alla via G. __________________, C.A.P. __________________ Prov. __________________, elettivamente domiciliata in __________________, presso lo studio degli Avv.ti __________________, al fine di significare quanto segue:

Con missiva datata 20/03/2017 la sig.ra __________________, assicurata Unipol Sai, (polizza n. __________________ con scadenza 19/11/2017) ebbe a ricevere missiva avente ad oggetto una richiesta di risarcimento danni per un presunto sinistro che si sarebbe verificato in Caserta, in data __________________ alle ore __________________,  alla via __________________, incrocio con __________________.

Dalla dinamica, così fantasiosamente ricostruita, la sig. __________________ avrebbe investito con la propria autovettura modello __________________, il pedone __________________ nel mentre attraversava l’incrocio sulle strisce pedonali, scaraventandolo a terra e provocandogli lesioni come da certificati.

Successivamente, con missiva datata 14/04/2017 la sig.ra __________________ diffidava l’Agenzia Unipol Sai Ass.ni dal prendere in considerazione qualsivoglia richiesta di risarcimento danni, in quanto alcun sinistro ebbe a verificarsi così come descritto, rimanendo a disposizione per qualsiasi chiarimento o perizia sull’autovettura. Nonostante ciò, alcun riscontro effettuava la compagnia Unipol Sai e alcuna comunicazione ebbe a ricevere la __________________ dopo la descritta lettera cautelativa.

Orbene, la compagnia Unipol Sai ass.ni, incurante del disconoscimento (in allegato) formale depositato dalla __________________ presso l’Agenzia Unipol Sai Ass.ni di Caserta, applicava unilateralmente il malus con conseguente declassamento e maggiorazione del premio per le annualità successive.

Palese è l’illegittimo comportamento della compagnia che ha, unilateralmente, liquidato il sinistro senza chiedere, preventivamente ragguagli in merito.

Difatti, l’art. 1917 c.c., al secondo comma, prevede che l’assicuratore ha facoltà, previa comunicazione all’assicurato, di pagare direttamente al terzo danneggiato l’indennità dovuta ed è obbligato al pagamento diretto se l’assicurato lo richiede. Quindi, il comportamento dell’assicuratore dev’essere improntato oltre che alla tutela dei propri interessi, anche alla tutela degli interessi del proprio assicurato secondo la “diligenza del buon padre di famiglia”. L’assicuratore che agisce in base al patto di gestione della vertenza del danno, si trova a rivestire nei confronti dell’assicurato il ruolo di mandatario in rem propria e, pertanto, non può perseguire solo il proprio interesse, ma deve curare anche quello dell’assicurato, rendendosi responsabile contrattualmente se cura soltanto il proprio interesse a scapito di quello dell’assicurato.  

Ciò premesso, si chiede, pertanto, provvedere all’urgente ripristino della classe di merito senza l’attribuzione del sinistro disconosciuto entro e non oltre 10 giorni dalla presente missiva, con avvertimento che in mancanza si procederà ad adire l’autorità giudiziaria.

Si allega: copia disconoscimento sinistro

Sparanise 14.11.2017

 

Avv. __________________

 

Avv. __________________

Joomla SEF URLs by Artio

tag popolari