TRIBUNALE ORDINARIO DI SANTA MARIA CAPUA VETERE

Memoria difensiva ex art. 706, terzo comma, c.p.c.

Per:La sig.ra ________, nata a ________, il ________, CF ________, residente in ________, via ________, rappresentata e difesa dall’avv. ________ (C.F. ________, indirizzo pec ________, fax n. ________) nel cui studio in ________, via ________, n. ________ è elettivamente domiciliata come per delega a margine del presente atto

contro

il sig. ________, con l’Avv. ________

* * *

Con ricorso depositato in data ________ il sig. ________ ha chiesto la separazione personale con addebito deducendo:

  • di aver contratto matrimonio in ________, il ________
  • che dall’unione sono nati i figli: ________, nato a ________, il ________ e ________, nata a ________, il ________;
  • che nel corso degli ultimi tempi la convivenza è divenuta insopportabile ed è venuto meno l’affectio coniugalis, non sussistendo più la comunione materiale e spirituale dei coniugi;
  • che l’esponente ha tenuto comportamenti contrari ai doveri nascenti dal matrimonio.

* * *

Con il presente atto si costituisce nel presente giudizio la sig.ra ________, come sopra rappresentata e difesa, la quale deduce quanto segue:

  • l’esponente non ha mai tenuto comportamenti contrari ai doveri nascenti dal matrimonio;
  • al contrario il comportamento del sig. ________ è stata la sola causa del venir meno della comunione materiale e spirituale;
  • l’esponente ha un reddito di soli euro ________ mensili, non corrispondendo al vero quanto ex adverso dedotto, così come si evince dalla documentazione che si produce;
  • al contrario il sig. ________ ha un reddito di circa euro ________ mensili, percependo, oltre il salario di operaio, più di ________ euro mensili per lavori di collaborazione ed extra, pagati “in nero”;

Ciò premesso

chiede

all’Ill.mo Tribunale di ________ che, una volta esperito il tentativo di conciliazione, accertata l’impossibilità di riconciliazione dei coniugi, sia rigettata la domanda di addebito alla moglie, pronunciato invece l’addebito della separazione al marito per tutti i fatti esposti in narrativa, e sia dichiarata la loro separazione personale alle seguenti condizioni, da assumersi anche in via temporanea davanti all’Ill.mo sig. Presidente:

                     i coniugi vivranno separati liberi ciascuno di scegliere il proprio domicilio salvo l’obbligo di darne comunicazione all’altro;

                     i figli minori saranno affidati ad entrambi i genitori i quali provvederanno direttamente nei periodi di permanenza con i figli alle necessità quotidiane del minore. Le spese straordinarie saranno ripartite tra entrambi i coniugi nella misura del 50% e qualora non si tratti di spese necessarie ed urgenti dovranno essere preventivamente concordate. Sul punto non ci si discosta da quanto richiesto dal ricorrente, essendo l’affido condiviso la soluzione favorita dal legislatore e non sussistendo gli estremi di cui all’art. 155-bis c.p.c.;

                     essendo i figli minori si ritiene che il domicilio preferito debba essere presso la madre e pertanto si richiede l’assegnazione della casa coniugale alla madre;

                     il marito corrisponderà alla moglie un assegno di mantenimento di euro ________ mensili, entro il giorno ________ di ogni mese, soggetti a rivalutazione monetaria secondo gli indici ISTAT a decorrere dal mese di ________ del prossimo anno;

Con vittoria di spese, diritti e onorari di causa.

Si allegano i seguenti documenti:

1: Modelli “Unico” degli ultimi 3 anni

Con osservanza

________,  ________

                     Avv. ________

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla SEF URLs by Artio

tag popolari