TRIBUNALE DI "----"

RICORSO URGENTE EX ART. 709 ter c.p.c.

La signora "----", nata a "----" il "----", residente in "----", C.F. "----", madre delle minori "----", nata a "----" il "----" e "----", nata a "----" il "----", rappresentata ed assistita per delega in calce al presente atto dall'Avv. "----", con studio in "----", C.F. "----", presso la quale elegge domicilio, (indirizzo pec, numero di fax), espone quanto segue.

*****

Con sentenza in data "----" il Tribunale di "----", nel pronunciare la separazione personale tra la ricorrente e il marito, ha regolamentato i rapporti genitoriali tra gli stessi, disponendo l’affidamento condiviso delle minori a entrambi i genitori con collocamento presso la madre, e regolamentando le frequentazioni delle minori con il padre secondo gli accordi raggiunti nel corso del giudizio dalle parti. Il Tribunale ha infine posto a carico del signor "----" un contributo al mantenimento di entrambe le figlie di euro "----" mensili da rivalutarsi annualmente in base agli indici Istat, oltre il 50% delle spese straordinarie, quali le spese sanitarie non coperte dal SSN (dentistiche e oculistiche), spese scolastiche, nonché spese sportive e ricreative previamente concordate e documentate. (doc. 1)

La corretta attuazione delle disposizioni di cui alla sentenza di separazione è stata da subito ostacolata dal signor "----", tanto sotto il profilo economico, quanto in relazione alle frequentazioni con le figlie.

In particolare lo stesso ha sempre provveduto ad accordarsi direttamente con la figlia minore "----", concordando tempi e modalità differenti (e limitative) rispetto a quanto previsto dal provvedimento giudizario, senza mai darne preavviso alla madre.

Inoltre, il rapporto tra il signor "----" e la figlia "----" – difficile già prima della separazione dei genitori – si è purtroppo gravemente compromesso e, da lungo tempo, padre e figlia non si incontrano e raramente si parlano.

Nonostante gli sforzi della ricorrente in tal senso, il signor "----" non si è mai adoperato per cercare di migliorare il proprio rapporto con la figlia, che ha, invece, sempre preferito colpevolizzare.

Dal mese di "----" il signor "----" ha altresì cessato ogni contribuzione al mantenimento delle figlie, sotto forma tanto di assegno periodico, quanto di pagamento o rimborso delle spese straordinarie.

A ciò si aggiunga che gli scarsissimi tempi di permanenza della sola figlia "----" presso lo stesso non hanno consentito neppure una forma di mantenimento diretto.

Né possono avere alcun rilievo le lamentate difficoltà economiche del signor "----", già lamentate nel corso del giudizio avanti al tribunale minorile, ma non supportate da alcuna prova.

*****

Da parte sua la signora "----", disoccupata da quando a causa della separazione ha cessato di lavorare nell’attività del marito, ha potuto contare solo su lavori occasionali come cameriera, che, tra l’altro, mal si conciliavano con le esigenze di cura delle figlie, in quanto svolti spesso in orario notturno.

A questo punto, l’unica soluzione che la ricorrente è stata in grado di trovare per garantire cura, assistenza e mantenimento alle proprie figlie è stato il trasferimento presso la propria famiglia di origine a "----".

Tale soluzione consente alla stessa il supporto dei propri genitori nella cura e nella gestione delle figlie, nonché un posto di lavoro sicuro.

Il signor "----", ha tuttavia negato il consenso al trasferimento delle figlie, nonostante la possibilità di mantenere di fatto una modalità di frequentazione quasi immutata rispetto al passato.

*****

Tanto premesso, La signora "----", come sopra rappresentata e assistita,

RICORRE

Alla S.V.Ill.ma affinché venga fissata con la massima urgenza udienza di comparizione personale dei signori "----" e "----" avanti al Tribunale riunito in Camera di Consiglio al fine di sentir accogliere le seguenti

CONCLUSIONI

In via preliminare e urgente:

autorizzare il trasferimento della residenza delle minori "----" a "----";
assumere nei confronti del signor "----" i più opportuni provvedimenti previsti dai n. 1, 2, 3 e 4 del secondo comma dell’art. 709ter cpc, in considerazione delle gravissime inadempienze dallo stesso poste in atto;

Nel merito:

a parziale modifica della sentenza di separazione emessa dal tribunale di "----" in data "----", previo ascolto delle minori in caso di opposizione del padre, così provvedere:

affidare le figlie minori ad entrambi i genitori con esercizio disgiunto della potestà quanto agli affari di ordinaria amministrazione e con collocamento prevalente presso la madre in "----";

disporre che il padre possa tenere con sé le figlie a weekend alternati dal sabato alla domenica; nonché, qualora ne abbia la possibilità, per un pomeriggio infrasettimanale, compresa la cena, da comunicare alla madre con un giorno di anticipo; fermi restando gli altri periodi di frequentazione previsti dal decreto del tribunale per i minorenni;

confermare l’obbligo del signor "----" di versare l’importo di euro "----" mensili, a titolo di contributo al mantenimento delle figli, con obbligo di prestare idonea garanzia dell’adempimento.

Con vittoria di spese e competenze del presente giudizio

Si produce:

sentenza del tribunale di "----" del "----";
di residenza e stato di famiglia della sig.ra "----";
Certificato di residenza e stato di famiglia del sig. "----";

 

Santa Maria Capua Vetere, "----"

 firma

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla SEF URLs by Artio

tag popolari